CHIUDI



> 23-10-2012
Alluminio, frode e corruzione in Bahrain: Alcoa patteggia il pagamento di 85 milioni di dollari


Alcoa, terzo produttore mondiale di alluminio, ha patteggiato negli Stati Uniti il pagamento di 85 milioni di dollari, per chiudere la causa per frode e attività criminosa organizzata intentata dall'Aluminium Bahrain BSC (Alba), una compagnia controllata dal governo del Bahrain, nel Golfo Persico, che aveva chiesto oltre un miliardo di dollari di danni. Il patteggiamento prevede anche un lungo periodo di fornitura di Alcoa ad Alba, con prezzi riferiti ad un indice.
Alba sosteneva che Alcoa aveva gonfiato per 15 anni il prezzo dell'ossido di alluminio, corrompendo con 9,5 milioni di dollari di tangenti funzionari del governo e della compagnia, avendo di mira anche l'acquisto di consistenti quote azionarie di Alba a basso prezzo, dietro la minaccia di sospendere la fornitura dell'ossido d'alluminio, cosa che avrebbe messo a rischio l'esistenza stessa di Alba.
Nella denuncia, depositata nel febbraio 2008, Alba affermava che nel 2003 Alcoa cercò di comprare il 26% di Alba, offrendo 600 milioni di dollari, contro un valore reale di circa un miliardo. Nonostante le pressioni di un alto funzionario governativo, il governo rifiutò l'offerta, perché non era nell'interesse del paese.
Alcoa ha patteggiato senza ammettere alcuna colpa.
Sulla vicenda stanno investigando anche il Dipartimento della Giustizia Usa e la Commissione di controllo sulla Borsa americana (SEC). Un patteggiamento con i due organismi, secondo Alcoa, potrebbe ammontare a 25-30 milioni di dollari.

Fonte: www.rsinews.it

ARTICOLI CORRELATI
Alluminio e corruzione, il governo del Bahrain denuncia Alcoa Prezzi gonfiati per 15 anni e tangenti a funzionari governativi e di una compagnia di Stato - [leggi]

Corruzione, la compagnia assicurativa AON condannata a quasi otto milioni di dollari L'Authority britannica scopre coltre sette milioni di tangenti pagate all'estero - [leggi]

Lo Stato del Bahrain libera i lavoratori immigrati E' il primo paese del Golfo Persico a riconoscere il diritto di cambiare datore di lavoro - [leggi]
 

CHIUDI
spc10v.gif (54 byte) aluplanet.com spc10v.gif (54 byte)
Il portale del pianeta alluminio - The portal of aluminium planet
©Copyright Alfin-Edimet Spa tutti i diritti riservati in tutti i paesi - all rights reserved in all countries

Alfin-Edimet Spa - via Castegnato 8 25050 Rodengo Saiano, Brescia (Italy)
Tel 0039 030 9981045 - Fax 0039 030 9981055 - Email info@edimet.com
Isc. R.E.A. 295145 - codice fiscale e P.I. 02809190172 - capitale sociale deliberato e sottoscritto euro 2.000.000,00, versato euro 1.300.000,00 - credits